La Zilli si becca una querela dallo IULM

Nina Zilli querelata dalo IULM. A scatenare il tutto una dichiarazione della cantante in un’intervista a Vanity Fair

Nina Zilli querelata dalo IULM di Milano! A scatenare il tutto una dichiarazione della cantante in un’intervista al settimanale Vanity Fair.

La Zilli ha infatti definito “stronzologia” i suoi studi universitari in Relazioni Pubbliche. Il Rettore, accortosi personalmente della dichiarazione ha così risposto: «Nel rammaricarsi che la signora Maria Chiara Fraschetta (in arte Nina Zilli) giudichi inutili i suoi studi accademici e denigri il titolo di studio da lei conseguito il Rettore, professor Giovanni Puglisi, rende noto che l’Università IULM, ritenendosi parte offesa ha deciso di sporgere querela per tali infamanti affermazioni nei confronti della stessa signora Fraschetta e della testata che le ha riportate».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Udu a Profumo: chi vuole aumentare le tasse universitarie vive in un altro pianeta

Next Article

La tua opinione sul valore legale del titolo di studio

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.