La terra trema di nuovo, università chiuse al Centro Nord

«Per la giornata odierna sono sospese tutte le attività didattiche e lavorative dell’Università di Bologna, incluse le sedi della Romagna» e cioè le sedi di Forlì, Cesena, Rimini e Ravenna. È quanto si legge in una nota dell’ateneo bolognese diffusa in seguito al terremoto.

«Per la giornata odierna sono sospese tutte le attività didattiche e lavorative dell’Università di Bologna, incluse le sedi della Romagna» e cioè le sedi di Forlì, Cesena, Rimini e Ravenna. È quanto si legge in una nota dell’ateneo bolognese diffusa in seguito al terremoto. La seconda scossa questa volta ha avuto come epicentro il Modenese e la terra è stata sentita tremare anche in Lombardia e Toscana.

Modena. All’Università di Modena sono state sospese, per oggi e domani, tutte le attività didattiche e lavorative. Il rettore Aldo Tomasi ha scritto una nota a studenti, docenti e al personale universitario, nella quale sottolinea la necessità di chiudere per almeno due giorni le porte degli atenei «per permettere i sopralluoghi dell’ufficio tecnico a tutte le strutture della sede cittadina».

Pisa.  A Pisa, invece, l’Università ha disposto la cessazione immediata di tutte le attività all’interno del Palazzo e la sua chiusura al pubblico. L’ordinanza del sindaco, spiega una nota dell’Università, «giunge al termine dell’iter di verifica della vulnerabilità sismica del Palazzo, richiesta dall’Università, dopo le scosse di terremoto di questi giorni».

Udine. Un minuto di silenzio per i «fratelli dell’Emilia Romagna» è stato chiesto dal rettore dell’Università di Udine Cristiana Compagno prima dell’inizio della proiezione del film “Carnia 1944”, la libera Repubblica autonoma fondata durante la Resistenza dai partigiani in Friuli Venezia Giulia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro, un mese di opportunità

Next Article

Sisma, i danni maggiori provocati dai suoi effetti ambientali

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".