La storia di Menachem: sopravvissuto alla Shoah, cerca gemello su Facebook

644282_500185306706095_884999828_n
Su facebook si chiama A7734: è il numero che era stato tatuato dai nazisti sul braccio al suo gemello. Ha 72 anni e sta cercando disperatamente l’unico componente della famiglia rimastogli.
E’ convinto che, come lui, suo fratello sia sfuggito al campo di concentramento di Auschwitz e oggi spera in Facebook per ritrovarlo.
All’età di soli 4 anni, i due erano stati divisi durante una retata nazista. Menachem B., che oggi vive ad Israele, ricorda di aver visto dormire suo fratello e di essere andato a giocare in cortile. Poi, la separazione e l’inizio dell’odissea. Sono passati 68 anni da allora ma Menachem B. non si è rassegnato e spera ancora di poter ritrovare il suo gemello.
Si è rivolto alla genealogista Yana KimRon che ora tenta la carta dei social network. Alla AbcNews.com la donna ha detto: vivo o morto, riuscirò a trovarlo”. Sulla carta, pare ci siano buone speranze di ritrovarlo vivo. Sarebbe infatti uscito dai campi di sterminio. Sul braccio ha il numero A7734.
Sulla pagina di Facebook, Menachem ha già 12 mila mi piace. La sua foto da bambino è stata condivisa quasi centomila volte.
AZ
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gwynet Paltrow ammette l'aborto

Next Article

"La guerra ai tumori voglio vincerla a Napoli"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"