La soluzione contro l’invecchiamento? L’olio extravergine di oliva

Olio Extravergine di oliva

L’olio extravergine di oliva rappresenta un’arma anti-invecchiamento, utile nel trattamento preventivo dei danni neurologici legati all’eta’ e al morbo di Alzheimer senile.

Indicazioni in questo senso vengono da uno studio condotto da due gruppi di ricercatori dell’Universita’ di Firenze – guidati da Massimo Stefani del dipartimento di Scienze Biomediche sperimentali e cliniche e da Fiorella Casamenti del Dipartimento Neurofarba – e appena pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica PLoS One che riporta le conclusioni di osservazioni condotte su modelli animali.

Gli studiosi hanno verificato su topi transgenici, portatori delle alterazioni collegate con l’Alzheimer, gli effetti della somministrazione di olio extravergine di oliva. “I topi sono stati alimentati per due mesi con oleuropeina aglicone, il principale fenolo presente nell’olio extravergine di oliva – spiega Massimo Stefani -. Al termine del trattamento, i topi hanno mostrato assenza del deficit cognitivo e comportamentale manifestato dai coetanei non trattati e, a livello istopatologico, riduzione dei depositi amiloidi nel parenchima cerebrale e della reazione neuroinfiammatoria, insieme a un marcato aumento della risposta autofagica, considerata protettiva nei confronti del danno cellulare da aggregati amiloidi, che caratterizzata il morbo di Alzheimer”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La fecondazione assistita diviene low cost

Next Article

Il cervello del feto apprende già prima della nascita

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.