Gelmini, la scuola che verrà

primo-giorno.jpgInizia l’anno scolastico e ritornano le lezioni. Dodici sono le regioni italiane che oggi hanno riaperto le scuole e otto milioni gli studenti che sono ritornati in classe. Ma il primo giorno di scuola tra ansie e “in bocca al lupo” ministeriali è stato anche contrassegnato da polemiche e malumori.
Le prime critiche sono quelle che il ministro dell’Istruzione, dopo aver fatto l'”in bocca al lupo” agli studenti, ha rivolto alle proteste dei precari e alla questione del limite agli stranieri nelle classi Inoltre la Gelmini ha sottolineato che agli insegnanti “viene consentita una mobilità eccessiva che va a danno degli studenti e della qualità della scuola. Per questo noi stiamo lavorando per fare in modo che i dirigenti scolastici abbiano la facoltà di mantenere gli insegnanti nello stesso istituto e nella stessa classe per almeno un biennio”.
Il primo giorno di scuola è stato anche l’occasione per ricordare che “la classe – ha affermato la Gelmini in un’intervista al Corriere della Sera – non è il luogo deputato per fare politica e i professori che vogliano farla devono solo uscire dalla scuola e candidarsi”. “Ci sono alcuni dirigenti scolastici e insegnanti, – ha continuato il ministro – che disattendono l’attuazione delle riforme. Criticare è legittimo ma comportarsi così significa fare politica a scuola e questo non è corretto”.
Intanto, i Cobas hanno indetto per oggi una giornata nazionale di lotta per la cancellazione dei tagli di quasi 60.000 posti di lavoro docente ed Ata, per protestare contro la legge Aprea, i “contratti di disponibilità”, le cattedre oltre le 18 ore e per chiedere massicci investimenti nella scuola pubblica, l’assunzione dei precari su tutti i posti vacanti e significativi aumenti salariali per docenti ed Ata. Contemporaneamente l’Unione degli Universitari ha sottolineato in un comunicato che “l’unica riforma dell’Università è quella che passa per l’abolizione dei tagli della L. 133 e l’abbattimento delle barriere all’accesso come numeri chiusi e l’elevato livello delle tasse universitarie”.
“La prima tappa di mobilitazione – fa sapere l’UDU – sarà la manifestazione nazionale del 19 settembre a difesa della libertà d’informazione dove porteremo le nostre rivendicazioni in difesa della libertà di stampa e d’opinione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assegni di ricerca in vari settori dall'Università di Siena

Next Article

Allievi direttori di negozio per Oviesse

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.