La Scozia sarà il primo paese a garantire gli assorbenti gratis

Il parlamento ha approvato una legge che obbliga le autorità locali a fornirli in maniera gratuita a «chiunque ne abbia bisogno»

Il parlamento della Scozia ha approvato all’unanimità il cosiddetto “Period Product (Free Provision) Bill”, il primo provvedimento di legge al mondo che preveda l’accesso gratuito agli assorbenti. Con questo provvedimento le autorità locali avranno l’obbligo di fornire in maniera gratuita assorbenti o prodotti per il ciclo mestruale a «chiunque ne abbia bisogno».

La proposta di legge era stata lanciata dalla parlamentare Monica Lennon per contrastare la cosiddetta “period poverty”: infatti, era stato calcolato che le donne possono spendere fino a 8 sterline (circa 9 euro) al mese in assorbenti e prodotti per il ciclo, e chi ha un basso reddito spesso non se li può permettere. Il provvedimento ha anche l’obiettivo di combattere lo stigma delle mestruazioni: secondo un sondaggio realizzato tra le giovani scozzesi, acquistare prodotti per il ciclo imbarazza il 71 per cento delle ragazze tra i 14 e i 21 anni e la metà di loro ha saltato scuola per motivi legati alle mestruazioni.

Il governo scozzese garantiva già assorbenti gratis nelle scuole e nelle università. Ora ha destinato complessivamente 9,2 milioni di sterline (circa 10,3 milioni di euro) affinché siano resi disponibili anche nelle società sportive, dalle autorità locali e attraverso le associazioni di beneficenza. Ciascuna delle 32 divisioni amministrative della Scozia potrà scegliere come mettere in pratica la legge, ma dovrà mettere a disposizione assorbenti o alternative in maniera «ragionevolmente facile» e «con ragionevole discrezione» a tutte le donne che li richiedano.

post

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Piccoli editori digitali, dalla Commissione Europea l’impegno a intervenire con misure ad hoc

Next Article

Presentato al Ministero il progetto “Cento Libri - Leggere leggeri”

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.