La Sapienza: quale futuro per l'istruzione?

Venti di riflessione e di confronto sulla condizione universitaria alla luce della manovra finanziaria approvata dal Governo e di alcuni aspetti del ddl Gelmini, lunedì 19 luglio 2010 (data storica per la nostra memoria e il nostro paese, ricordiamo e onoriamo Borsellino) presso la Facoltà di Ingegneria della Sapienza (Via Eudossiana 18) durante la manifestazione L’Università Pubblica.l ruolo della Formazione e della Ricerca nel futuro del Paese. Mesi di proteste e manifestazioni per segnalare la precarietà economica e pertanto esistenziale della stessa struttura universitaria.

Venti di riflessione e di confronto sulla condizione universitaria alla luce della  manovra finanziaria approvata dal Governo e di alcuni aspetti del ddl Gelmini, lunedì 19 luglio 2010 .(data storica per la nostra memoria e il nostro paese, ricordiamo e onoriamo Borsellino) presso la Facoltà di Ingegneria della Sapienza (Via Eudossiana 18) con la manifestazione L’Università Pubblica. Il ruolo della Formazione e della Ricerca nel futuro del Paese.
Mesi di proteste e manifestazioni per segnalare la precarietà economica e pertanto esistenziale della stessa struttura universitaria. Gli accademici segnalano come  le misure del dispositivo finanziario, destinate a trovare attuazione entro un quadro normativo già restrittivo sul piano dei finanziamenti, pongano in discussione la stessa sopravvivenza de’Università pubblica. La manovra riduce le risorse destinate all’Università, e quindi alla ricerca e alla formazione, fondamentali per lo sviluppo del Paese.
Oltre alle Facoltà di Ingegneria, sono coinvolte tutte le Facoltà della Sapienza, le Facoltà di Ingegneria di altre Sedi universitarie e Istituzioni di Ricerca.
Presenti all’incontro: I Presidi delle Facoltà di Ingegneria della Sapienza; Luigi Frati, Rettore della Sapienza Annibale Mottana, Accademia dei Lincei  Luciano Maiani, Consiglio Nazionale delle Ricerche,Giovanni Bachelet, Deputato Commissione Cultura;Vito Cardone, Conferenza dei Presidi di Ingegneria;Mario Morcellini, Interconferenza dei Presidi;Elisabetta Petrucci, ricercatore Sapienza e, last but not least, i rappresentanti degli studenti
L’ invito a partecipare è rivolto a tutto il mondo universitario e alla società civile, sensibile alla tematica dell’istruzione, come fonte primaraia per il progresso scientifico e culturale di generazioni presenti e future.
Lunedì 19 luglio alle 19, al Chiostro della  Facoltà di Ingegneria, via Eudossiana 18

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Politiche abitative

Next Article

Raduni: tutte le radio contro tutte le mafie

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.