Politiche abitative

“abitare IN campania. INsieme si svolta” per discutere la legge 19/2009 ed il Piano CASA Nazionale.

Questa mattina, presso l’Hotel Royal Continental di Napoli, l’Assessorato all’Urbanistica della Regione Campania in collaborazione con l’ANCE, l’ACEN e l’ANCI, affronterà l’importante dibattito legato alla legge 19/2009 (Misure urgenti per il rilancio economico, per la riqualificazione del patrimonio esistente, per la prevenzione del rischio sismico e per la semplificazione amministrativa) ed il Piano CASA Nazionale.
abitare IN campania. INsieme si svolta” è il titolo della giornata di approfondimento che darà la possibilità alle figure professionali impegnate in questo settore di avvalersi di un vero e proprio aggiornamento tecnico. Le proposte di modifica del Piano CASA approntate dalla nuova Giunta Regionale sono tese all’identificazione di aree in cui realizzare una forte riqualificazione sia con la promozione dell’edilizia sociale, sia attraverso lo snellimento legislativo.
A presentare il piano di attività interverranno: il coordinatore ACG16 Regione Campania Maria Adinolfi, il Direttore Cresme Ricerche S.p.a. Lorenzo Bellicini, il Presidente Ance Campania Nunziante Coraggio, l’Assessore alle opere e ai lavori pubblici per la Regione Campania Edoardo Cosenza, il Presidente ANCI Campania Nino Daniele, il Capo dell’Opposizione in Consiglio Regionale Vincenzo De Luca, il Presidente della IV Commissione Consiliare Urbanistica Domenico De Siano, il Capogruppo PD per la Regione Campania Peppe Russo, l’Assessore all’Urbanistica per la Regione Campania Marcello Taglialatela e, infine, il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro che avvierà la conclusione del dibattito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Innovation Camp: business a Roma Tre

Next Article

La Sapienza: quale futuro per l'istruzione?

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".