La Sapienza laurea il padre del microcredito

imagesmuhammad-yumus-small.jpgPer “l’originale contributo dato alla lotta alla povertà tramite l’invenzione del microcredito”. Con questa motivazione l’Università di Roma La Sapienza conferirà la laurea honoris causa in Cooperazione e Sviluppo al professore bengalese Muhammad Yunus, presidente della Grameen Bank, premio Nobel per la Pace 2006.
La cerimonia per la consegna del riconoscimento si terrà l’8 luglio nell’aula magna dell’ateneo romano. Due anni fa la celebre accademia norvegese assegnò il Nobel per la Pace a Yunus riconoscendo all’economista il merito di aver intuito che “ai diritti fondamentali dell’uomo va aggiunto il diritto al credito come strumento formidabile per stimolare la crescita civile, sociale ed economica delle popolazioni povere”.
L’accesso al credito è generalmente negato a coloro che non sono in grado di offrire garanzie reali. Partendo da questa banale considerazione il professor Yunus ha intuito che se si riesce a concedere prestiti a diseredati ed esclusi dal contesto sociale, si mettono in moto fenomeni virtuosi inimmaginabili: maggiore coesione sociale, ordine istituzionale e risorse per finanziare processi di sviluppo.
Rientrato in Bangladesh dopo una laurea in economia conseguita negli Stati Uniti, Yunus fondò nel 1976 la prima banca etica del mondo: l’ormai famosa Grameen Bank (Banca del villaggio in lingua bangla). Tutto ebbe inizio con un prestito, offerto dallo stesso Yunus di tasca propria, a 42 donne in difficoltà. Oggi la Graamen Bank è un colosso finanziario che concede prestiti a donne povere che vogliono avviare piccole imprese, ma non hanno i requisiti per accedere ai prestiti delle banche tradizionali.
Ad oggi sono più di 6,5 i miliardi di dollari che la banca di Yunus ha concesso in prestiti a 7 milioni di persone in tutto il Bangladesh.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturo con 100? Tasse azzerate

Next Article

Il Fitness offre lavoro tra palestra e benessere

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"