“La Salute è un diritto”, Emergency lancia in Italia la raccolta fondi contro la crisi

poliambulatorio maghera

Una raccolta fondi “tutta italiana” per tutelare i nuovi poveri. A lanciarla è Emergency, l’associazione indipendente e neutrale, nata per offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà. La campagna “La salute è un diritto Sostieni Emergency con il numero solidale”, nasce dalla necessità di garantire assistenza agli oltre 9 milioni di italiani che nel 2011 non hanno avuto accesso alle cure mediche per ragioni economiche.

La campagna mira a supportare il “Programma Italia”, intervenendo nell’ambito dell’immigrazione e del disagio sociale. La finalità è quella di aprire e potenziare ambulatori mobili e poliambulatori per garantire assistenza sanitaria gratuita ai migranti, con o senza permesso di soggiorno, e a tutti coloro che ne hanno bisogno.

Con i fondi raccolti verranno acquistati e allestiti due ambulatori mobili per portare cure ai braccianti agricoli, si finanzieranno due Poliambulatori che saranno avviati a Napoli e Polistena (RC) durante il 2013, le attività dei due Poliambulatori già operativi a Palermo e Marghera e dei due ambulatori mobili “Polibus” già operativi in zone di forte disagio sociale e dove l’accesso alla sanità è difficoltoso.

Da oggi, dunque, chi invierà un sms del valore di 2 euro con il cellulare personale o effettuerà una telefonata da rete fissa del valore di 2 o 5 euro al numero 45505 contribuirà a offrire con Emergency cure gratuite ai migranti, agli stranieri e alle fasce più svantaggiate della popolazione italiana.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Trenitalia, domani sciopero unitario

Next Article

Riccardi: "La disoccupazione giovanile è colpa della mancata ripresa"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"