Rete della conoscenza

E’ nata la Rete della conoscenza , nuovo soggetto nato dalla assemblea studentesca promossa da Unione degli Studenti e Link-Coordinamento universitario. “Abbiamo fondato questa rete di associazioni per dare finalmente una rappresentanza unitaria a tutti i soggetti in formazione del nostro Paese” ha dichiaratoTito Russo, coordinatore nazionale UdS.

E’ nata la Rete della conoscenza , nuovo soggetto nato dalla assemblea studentesca promossa da Unione degli Studenti e Link-Coordinamento universitario. “Abbiamo fondato questa rete di associazioni per dare finalmente una rappresentanza unitaria a tutti i soggetti in formazione del nostro Paese” ha dichiaratoTito Russo, coordinatore nazionale UdS.
“Gli studenti si aprono appieno ai problemi sociali del nostro tempo, non chiediamo solo scuole e università diverse, ma con la Rete lotteremo per una società migliore”. aggiunge Claudio Riccio, portavoce di Link indicando nella tutela dell’ambiente, la lotta alle mafie, la difesa dei beni comuni i temi al top dell’agenda. L’assemblea studentesca, che si è svolta a Terni, ha visto la partecipazione di oltre duecentocinquanta studenti da tutta Italia in rappresentanza di oltre centoventi associazioni locali.
“La Rete sarà uno strumento per porre alla politica l’angoscia delle nostre generazioni. La precarietà è la nostra prima preoccupazione e dunque – annuncia Roberto Iovino, portavoce della nuova associazione – partiremo con la campagna Liberi tutti per rivendicare il diritto allo studio e il welfare che abbiamo presentato sabato ai partiti di centro-sinistra. Il 16 ottobre saremo in piazza con la Fiom per lanciare un manifesto delle proposte degli studenti contro la crisi.”
Una rete che ci auguriamo sia effettivamente voce degli studenti e che si mantenga lontana dalle logiche alterate della politica nostrana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rusciano arriva al timone

Next Article

Acquario di Roma, i parcheggi degli abissi

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside