La rassegna stampa di lunedì 13 giugno

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università
Corriere della Sera Statale, open day nelle carceri. Via le tasse agli studenti detenuti –  Professori e studenti della Statale entrano nelle carceri per presentare ai detenuti la nuova offerta formativa dell’Università milanese. L’ateneo ha approvato l’esonero totale delle tasse e contributi per i detenuti delle carceri: gli studenti di Bollate e Opera verseranno in tutto 166 euro (26 per rimborso spese bollo e 140 per la tassa regionale).
Corriere della sera  – Test agli incroci con auto intelligenti “Si può fare a meno dei semafori” –  Secondo una nuova ricerca nata all’interno del Mit Seansable City Labs nuove macchine intelligenti potrebbero rendere inutili i semafori. Le nuove tecnologie emergenti andrebbero a ridurre la concentrazione di polveri sottili e del traffico.
Il Messaggero  “Sciami” di robot da usare anche per le terapie mediche – Gli sciami di robot – secondo il progetto americano “RoboBee”, nato dalla collaborazione fra le università di Harvard e Northeastern e finanziato dal National Science Foundation, –  potranno diventare una realtà fra 10 anni con ali artificiali molto simili agli insetti.
La Stampa – “Rilanceremo gli atenei togliendo alle Regioni la competenza sui fondi” – Il sottosegretario Faraone: “Via le tasse ai più poveri”
Il Messaggero – “Promossi anche i bulli. In classe con la vittima” – A settembre rischiano di ritrovarsi nella stessa aula: si respira preoccupazione. Intanto altri genitori scrivono al Ministero chiedendo la rimozione della preside.
 
 
 
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdi 10 giugno

Next Article

La Maturità dei Vip – Elisabetta Canalis: "La notte prima degli esami? Non la ricordo!"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".