La rassegna stampa di venerdì 22 gennaio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – A febbraio il concorso da 63 mila posti: 10 mila in Lettere, 5 mila in matematica – Approvata la riforma delle classi di concorso, è possibile sviscerare i numeri del prossimo bando scuola: altissima la percentuale di docenti di Lettere e di Matematica.
Il Sole 24 Ore – Its, arrivano i premi per chi crea occupazione – Le nuove norme sulla ripartizione dei fondi tendono a premiare le scuole che dimostrano di aver creato un solido collegamento con il mondo del lavoro.
Il Giorno – Giovani a rischio di demenza digitale. Non sanno scrivere con la penna – Il rischio sempre più concreto, secondo studiosi della materia, è che le nuove generazioni perdano la capacità di leggere e scrivere in corsivo.
Il Sole 24 Ore – A napoli il centro ricerca Apple – Aprirà a Napoli un polo di ricerca sulla App della società informatica americana. Offrirà opportunità di aggiornamento e formazione a studenti e insegnanti.
Corriere della Sera – Mattarella alla Sapienza, dove si è laureato. Il Rettore: “Cultura è coesione e apertura” – Il Presidente della Repubblica ha inaugurato l’anno accademico della prima università romana, dove ha ottenuto anche il suo primo diploma di laurea.
Corriere della Sera – Studi sul cancro falsificati. Ricercatori sotto inchiesta – Si allarga il fronte dell’inchiesta milanese su presunte falsificazioni negli studi sul cancro. Indagati anche ricercatori nel napoletano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi di italiano 2016, al via con il record di partecipanti

Next Article

Concorso scuola: 10 mila docenti in materie letterarie, 5 mila in Matematica e Fisica

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".