La rassegna stampa di venerdì 13 febbraio

Proposte, progetti, idee. I giornali di oggi si concentrano sulle novità nel mondo della formazione e della ricerca. La Nazione racconta la storia degli studenti di Prato con il sogno di progettare una moto per la Parigi-Dakar: intanto si cercano sponsor e fondi.
Roberto Cotroneo, sul magazine Sette, del Corriere, analizza il nuovo percorso della storia nell’era del Web 2.0. Su Repubblica, invece, la proposta dei socialisti spagnoli accolta dagli altri partiti: gli scacchi saranno obbligatori a scuola. I dati della sperimentazione UE pare siano molto positivi.
A Milano si celebra l’accordo tra l’Università Statale e l’istituto Tumori, per formare gli oncologi del futuro. Su L’Espresso, infine, il vaccino made in Italy contro la meningite.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 13 febbraio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"M'illumino di meno" - Le scuole aderiscono alla campagna

Next Article

Schettino in cattedra: sospeso il prof

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36