La rassegna stampa di mercoledì 30 settembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
L’Unità – Scuole, subito 50 milioni di euro dal Governo – bloccati dal Consiglio dei Ministri i primi 50 milioni di euro da investire sull’edilizia scolastica e la messa in sicurezza degli istituti fatiscenti.
Roma – Poste italiane, ecco il progetto contro la dispersione scolastica – Presentato in occasione della visita del Presidente della repubblica a Napoli, il progetto di Poste Italiane prevede l’affiancamento a ragazzi prossimi all’abbandono scolastico in modo da tentare la loro riimmissione all’interno del percorso formativo.
Corriere della Sera – Fuori dalla classe per le foto in Rete. La famiglia: discriminato perchè gay – Il caso in una scuola cattolica di Monza. La reazione del preside: “Scatti hot, con la sospensione abbiamo tutelato il ragazzo”.
Il nuovo corriere di Roma e del Lazio – A rischio annullamento le prove di migliaia di candidati – Problemi con le etichette da applicare sui test d’ingresso potrebbero causare l’annullamento delle prove sostenute da circa il 10% dei candidati per accedere ai corsi di Medicina e Odontoiatria.
Corriere della Sera – Dieta e stili di vita di duemila anni fa. I segreti di Pomperi dalla Tac sui calchi – Risultati straordinari arrivano dalle tac eseguite sui calchi dei corpi rinvenuti negli scavi di Pompei

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro, ad agosto più occupati. Ma la disoccupazione giovanile torna a crescere

Next Article

La Buona Scuola, al via i tavoli di confronto sulle deleghe

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".