Lavoro, ad agosto più occupati. Ma la disoccupazione giovanile torna a crescere

“L’Italia riparte”. Commenta così il premier Matteo Renzi i nuovi dati raccolti dall’Istat. Dopo la crescita di giugno (+0,1%) e di luglio (+0,3%), ad agosto 2015 la stima degli occupati, infatti, cresce ancora dello 0,3% (+69 mila). Aumentano i lavoratori alle dipendenze (+70mila), in prevalenza a termine (+45mila).
Il tasso di occupazione aumenta di 0,2 punti percentuali, arrivando al 56,5%. Su base annua l’occupazione cresce dell’1,5% (+325 mila persone occupate) e il tasso di occupazione di 0,9 punti.
La stima dei disoccupati ad agosto diminuisce dello 0,4% (-11 mila). Il tasso di disoccupazione cala di 0,1 punti percentuali, proseguendo il calo del mese precedente (-0,5 punti) e arrivando all’11,9%. Per la prima volta si scende sotto il 12 % da 2 anni. Nei dodici mesi la disoccupazione diminuisce del 5,0% (-162 mila persone in cerca di lavoro) e il tasso di disoccupazione di 0,7 punti.
Cala anche il tasso di inattività, pari al 35,6%, registrando -0,2 punti percentuali. Su base annua l’inattività è in calo dell’1,7% (-248 mila persone inattive) e il tasso di inattività di 0,5 punti.
Aumenta, però, la disoccupazione giovanile, il cui tasso sale di 0,3 punti percentuali. Per arrivare al 40,7 %. L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,6% (cioè poco più di un giovane su 10 è disoccupato). “Tale incidenza aumenta nell’ultimo mese di 0,2 punti percentuali”, aggiunge l’Istat. Come a dire: non farsi prendere troppo dall’euforia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eni Award 2016: premi da 850 mila euro per ricercatori under 30 e gruppi di ricerca

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 30 settembre

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.