La rassegna stampa di mercoledì 29 luglio

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Fatto Quotidiano – 70 mila precari alla ricerca di una cattedra – Ieri, primo giorno di candidature online, circa 2 mila aspiranti professori hanno presentato domanda sul sito del Miur, ma potrebbero essere 70 mila i contendenti per i 55 mila posti messi a disposizione nel piano assunzioni. E i sindacati mettono in guardia su il probabile esodo di insegnanti dal Sud verso le regioni del Nord.
Il Sole 24 Ore – Occupazione, in vetta Insubria e Bicocca – Il focus sulle Università che garantiscono il miglior tasso di occupazione una volta terminati gli studi.
La ricetta dei giovani al G20: puntare sulle nuove tecnologie – I delegati italiani che prenderanno al G20 dei giovani in programma a Istanbul dal 15 al 21 agosto hanno definito i punti chiave della carta che porteranno come contributo del nostro paese al summit internazionale. Al centro delle attenzioni: le nuove tecnologie.
Il Messaggero – Università, la fuga dai test d’accesso: in due anni -35 mila – Crollano gli aspiranti medici, ma più in generale calano vertiginosamente i candidati ad accedere alle facoltà a numero chiuso. Il segnale che il sistema dell’accesso programmato funziona? O il dilagare di un senso di scoraggiamento tra i giovani?
Il Messaggero – E i dorni cacceranno le zanzare – Il progetto Microsoft per combattere i fastidiosi insetti estivi prevede l’utilizzo delle più moderne tecnologie di volo automatico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eurocities cerca giovani laureati: 6 mesi di stage a Bruxelles

Next Article

Preghiere e maestra unica: benvenuti alla scuola anti gender

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".