La rassegna stampa di mercoledì 26 agosto

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Sole 24 Ore – Ecco l’organico potenziato: da dicembre 7 prof in più per ogni scuola – La riforma della scuola prende corpo e per la fine dell’anno porterà ciascun istituto scolastico a disporre di maggiori risorse in organico.
La Gazzetta di Basilicata – La scuola dei “deportati”. “Noi, emigranti a 50 anni” – Si accende la polemica sulla necessità di molti docenti precari di accettare un incarico a tempo indeterminato a grande distanza dal luogo di residenza. Per alcuni insegnanti, giunti alla mezz’età, si tratterebbe di un vero e proprio stravolgimento.
Avvenire – Berlinguer: “Solo l’inquietudine suscita ricerca” – L’appello dell’ex ministro dell’Istruzione per una scuola che sia davvero incentrata sulla figura dello studente, che lo stimoli e apra a nuove prospettiva abbandonando l’attuale sistema giudicato eccessivamente costrittivo.
La Repubblica – Occupazione, caos sui dati Solo 47 nuovi posti stabili – Pubblicati i nuovi dati sull’occupazione giovanile in Italia: è caos sulle cifre. Mentre per il Governo, il Jobs Act ha portato migliaia di nuovi posti di lavoro, i numeri diffusi dall’Istat parlano di un ben più magro risultato.
Corriere della Sera – La macchina costruita (in segreto) per riprodurre il Sole sulla Terra – L’esperimento condotto negli Stati Uniti sta tenendo con il fiato sospeso la comunità scientifica: ricreare la fusione che avviene nel Sole per ottenere energia pulita e illimitata. Secondo la rivista “Science” questo è l’esperimento che potrebbe cambiare il mondo in maniera definitiva.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scontro tra Faraone e i precari: "Noi assumiamo, voi vi lamentate"

Next Article

Bando Unipharma-Graduates 2015/2016: tirocini formativi presso centri di ricerca europei

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".