La rassegna stampa di mercoledì 20 maggio

Scuola, Università e Ricerca: vediamo insieme di cosa si occupano i principali quotidiani di oggi. Partiamo, ovviamente, dalle approvazioni alla Camera de “La buona scuola”, la riforma della scuola promossa da Renzi e Giannini.
Sul Sole 24 Ore il commento del premier sugli emendamenti passati in Parlamento: “Proteste attese ma non ho frenato”.
La Repubblica ospita una interessante riflessione sul potere dei presidi, da parte di Mariapia Veladiano: “Ma i super poteri a noi presidi non miglioreranno l’istruzione”.
Su La Stampa, invece, la notizia dell’assunzione definitiva di 100.000 precari, che entreranno di diritto nel mondo della scuola già da settembre.
Sul Secolo d’Italia la scelta degli studenti per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado: “Il Liceo rimane superstar con oltre la metà degli iscritti”.
Sul Giornale di Napoli la protesta delle famiglie in attesa da 3 anni dei buoni libri, di cui avevano fatto richiesta.
Ma ancora: i talenti in erba sul palco del Mercadante, gli studenti universitari di Verona che tornano in classe per imparare a insegnare, la candidatura di Padova per ospitare la sede dei telescopi SKA.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 20maggio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stress da esame? All'Università si combatte accarezzando cuccioli di cane

Next Article

I 7 libri da leggere questa estate secondo Bill Gates

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).