La rassegna stampa di mercoledì 16 dicembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Repubblica – Allarme a Los Angeles, chiuse tutte le scuole – La decisione delle autorità californiane dopo aver intercettato una email tedesca che minacciava attentati terroristici utilizzando zainetti degli studenti e scuolabus. Dopo i dovuti accertamenti, tuttavia, la notizia si è rivelata falsa e l’allarme è rientrato, senza però causare il caos nella megalopoli americana.
Il Giorno – Il ministro nella media multietnica – Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ieri in visita a Baranzate per inaugurare la nuova aula informatica dell’istituto Galilei ha parlato dell’integrazione e chiesto a docenti e studenti di affrontare con coraggio la nuova sfida. Ma gli insegnanti lamentano un abbandono da parte delle istituzioni.
La Sicilia – Facoltà di Medicina a Enna, prima lezione – Nonostante la diffida del ministro Giannini che in una nota aveva dichiarato illegittimi i titoli rilasciati dalla facoltà rumena di Medicina aperta al Policlinico di Enna, le lezioni sono cominciate ieri e i vertiti dell’ateneo continuano a sostenere il proprio progetto.
La Repubblica – Il Dio degli scienziati: per 6 su 10 c’è accordo tra ragione e fede – Il sondaggio svolto tra ricercatori e scienziati di otto paesi in tutto il mondo ha dato un risultato davvero inaspettato: per oltre la metà degli intervistati non c’è contraddizione tra fede e ragione.
Il messaggero – Lui soffre più di lei – Una ricerca canadese svela come cellule differenti agiscano nella percezione del dolore negli uomini e nelle donne causando, così, differenti gradi di sofferenza.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istat: il 52% dei giovani under 18 ha subito episodi di bullismo

Next Article

Il sondaggio che stupisce tutti: "In Italia 6 scienziati su 10 credono in Dio"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).