La rassegna stampa di martedì 23 febbraio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Mattino – Giannini: “Noi abbiamo puntato sull’istruzione” – Il commento del ministro Giannini a due anni dal suo insediamento nel dicastero di viale Trastevere: dall’assunzione di circa 90 mila nuovi prof agli investimenti per la ricerca e i ricercatori passando per la riforma della Buona Scuola.
Italia Oggi – Al via le nuove classi di concorso – Con la ratifica del Presidente della Repubblica, Mattarella, la riforma delle classi di concorso per il settore scuola può essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale: tra le misure più rilevanti, l’accorpamento di numerose delle vecchie classi concorsuali e l’esordio di alcune create ad hoc per il prossimo concorsone.
La Repubblica – Aggrediti in Statale dai fascisti – Succede all’Università Statale di Milano dove un gruppo di sedicenti neo fascisti a volto coperto ha fatto irruzione nella biblioteca universitari malmenando gli studenti riuniti in occasione di un evento di festa.
Il Messaggero – Renzi, qui si tocca il futuro – L’intervento del premier in visita nei laboratori dell’Istituto di Fisica Nucleare al Gran Sasso. Un messaggio ai ricercatori: “A chi se ne vuole andare dico: faccia pure, ma noi faremo dell’Italia un’eccellenza in campo scientifico”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iscrizioni scuole superiori: 1 studente su 2 sceglie il liceo; in calo gli istituti professionali

Next Article

Gara di retorica tra detenuti del Regina Coeli e gli studenti di Tor Vergata

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.