La rassegna stampa di martedì 21 luglio

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Sole 24 Ore – Assunzioni, oggi il bando “fase 2”. Domande dal 28 luglio al 14 agosto – verrà pubblicato oggi il bando contenente le specifiche per l’immissione in ruolo di 36 mila precari della scuola. La cosiddetta fase 2 del piano Renzi-Giannini.
Italia Oggi – Scuole al verde, corsi di recupero a rischio. La replica del Miur: “Senza dati niente risorse” – Senza fondi, centinaia di scuole rischiano di dover rimandare i corsi di recupero necessari agli studenti che hanno contratto il debito formativo per passare l’anno e proseguire il percorso scolastico. Ma il ministero tiene duro e chiede trasparenza per l’erogazione di qualsiasi contributo.
Il sole 24 Ore – L’apprendistato a scuola diventa più conveniente – Le nuove norme sull’apprendistato consentiranno alle aziende che prendono in carico gli studenti di avere sgravi fiscali e agevolazioni.
Il Secolo XIX – Morto di ecstasy, il pusher è un compagno di scuola – Ha confessato il pusher che ha venduto la droga al diciassettenne deceduto a Rimini dopo aver ingerito una pasticca di ecstasy: si tratta di un altro liceale, compagno di scuola del giovane.
La Stampa – Premiamo gli Atenei e le scuole migliori – A cosa servono le classifiche? L’opinione dell’editorialista della Stampa Massimo Russo è quella di utilizzarle per premiare il merito.
Corriere della sera – Ascoltare le voci aliene. Il piano di Hawking – Il teorico dei buchi neri ha presentato a Londra un nuovo progetto scientifico che mira a catturare le “voci” di forme di vita intelligenti su altri pianeti.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I 7 consigli per una vera vacanza secondo il Wall Street Journal

Next Article

Scuola, pubblicato il bando per l'assunzione di oltre 55 mila docenti

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"