La rassegna stampa di martedì 08 settembre

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Sole 24 Ore – Scuola, un piano per l’occupabilità – Dal Miur arriva uno stanziamento di 45 milioni di euro da investire in laboratori e attività didattiche specialistiche. Ecco il piano del Governo per rilanciare l’occupabilità giovanile.
Il Fatto Quotidiano – Scuola, per ora due su tre non si fidano dei posti di Renzi – I primi dati sull’accettazione delle cattedre ripartite con il piano della Buona Scuola dimostra lo scetticismo del copro docente. Solo in 3 mila, per ora, hanno preso possesso del posto dilavoro assegnatogli dal Miur.
La Gazzetta del Mezzoggiorno – L’anno scolastico in Italia è tra i più corti d’Europa – Ben sei settimane di pausa estiva, ma anche festività tutte italiane e lunghi periodi di sosta a natale e a pasqua: ecco perché gli studenti italiani vanno a scuola meno dei loro colleghi europei.
La Stampa – Il giallo delle 600 studentesse avvellenate in Afghanistan – Centinaia di giovani ragazze sono state avvelenate mentre si trovavano all’interno degli edifici scolastici. L’ombra dei talebani sul diritto allo studio delle giovani donne in un paese integralista come l’Afghanistan.
Il Messaggero – Maker Faire, quei talenti verso il futuro – Torna la manifestazione che mette insieme giovani talenti e alta tecnologia. La fiera della scienza e dell’innovazione in scena a Roma.
Corriere della Sera – Centinaia in fila per incontrare AstroSamantha – L’incontro, ieri a Milano, con l’astronauta italiana di recente rientrata da una lunga missione nello spazio, a bordo della stazione orbitante internazionale. Samantha Cristoforetti accolta da una platea degna di una star.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Svizzera: borse di studio da 1.800 euro per studenti, ricercatori e artisti italiani

Next Article

Medicina, l’85 % degli studenti è contrario al numero chiuso

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".