Svizzera: borse di studio da 1.800 euro per studenti, ricercatori e artisti italiani

 
Borse di studio e formazione per studenti, laureati, dottorandi e artisti offerte dalla Svizzera. Nell’ambito di un accordo bilaterale con il Ministero degli Affari Esteri, alcune Università elvetiche mettono a disposizione ogni anno numerose borse di studio dedicate esclusivamente agli studenti italiani. Due le tipologie di borse pubblicate per il biennio 2016-2017: quelle federali, offerte direttamente dalla Confederazione Svizzera e le borse cantonali, messe a disposizione dai singoli atenei svizzeri.
In particolare, le borse di studio federali sono messe a disposizione per finanziare percorsi di ricerca (a questo link il bando); dottorati (a questo link il bando); periodi di studio post-doc (a questo link il bando); e per artisti (a questo link il bando).
Le borse cantonali, invece, sono offerte dalle Università di Basilea, Friburgo, Ginevra, Neuchatel, San Gallo, Svizzera italiana e Losanna, e si rivolgono a studenti, laureati e ricercatori italiani che vogliano trascorrere un periodo di studi in Svizzera per approfondire le proprie conoscenze o per sviluppare un progetto di ricerca. La durata delle borse è variabile da 1 a 10 mesi, a seconda dell’Ateneo. L’importo delle borse oscilla tra i 900 e i 1.900 franchi svizzeri mensili (quindi dagli 820 ai 1.740 euro).
Per maggiori dettagli consultate i singoli bandi delle diverse Università proponenti che trovate a questo link.
Per fare richiesta delle borse di studio in convenzione tra il Governo svizzero e il Mae, occorre compilare l’apposito form online sul sito del Ministero degli Affari Esteri, stampare e inviare la domanda in formato cartaceo, corredata di tutta la documentazione richiesta, all’Ambasciata di Svizzera in Italia, Via Barnaba Oriani 61, 00197 Roma, eccetto che per l’Università di Zurigo per la quale occorrerà, dopo la registrazione MAE, seguire la procedura di candidatura indicate sul sito dell’Ateneo.
Per le borse di studio federali, la scadenza è fissata all’8 dicembre 2015, mentre per quelle cantonali, l’ultima data utile è il 12 gennaio 2016. Maggiori informazioni e dettagli li potete trovare sulla pagina del Ministero degli Affari Esteri dedicata alle borse di studio in collaborazione con la Svizzera e con altri paesi in tutto il mondo.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Medicina, si parte! Blitz degli studenti al MIUR, proteste in tutta Italia

Next Article

La rassegna stampa di martedì 08 settembre

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.