La rassegna stampa di martedì 05 aprile

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Messaggero – Scuola, premi di merito ad un insegnante su 10. Scontro sulle regole – Il bonus ai docenti meritevoli dovrebbe riguardare circa il 10% dei prof attualmente impiegati nella Pubblica istruzione; ma è scontro sulle regole per la distribuzione del contributo di merito che, in buona parte, viene deciso dal dirigente scolastico.
Italia Oggi – I non abilitati appesi alla sentenza del Tar, ma servirebbe la pronuncia della Consulta – Sono 10, al momento, le sentenze dei Tribunali Amministrativi Regionali che aprono il concorsone scuola anche a docenti non abilitati, tuttavia, solo una pronuncia della Consulta potrebbe riaprire le procedure concorsuali e modificare l’attuale limite.
La Gazzetta del Mezzogiorno – Il politecnico di Bari superstar della ricerca – La nuova classifica pubblicata dallo strumento di Ranking universitario voluto dall’Unione europea premia l’Ateneo pugliese come una delle eccellenze della ricerca italiana.
Il Sole 24 Ore – Ai ricercatori non basta la cattedra – L’intervento di Dario Braga, Presidente dell’Istituto di Studi Superiori dell’Università di Bologna, spiega quali sono i limiti che costringono un giovane ricercatore ad allontanarsi dal sistema Italia. Non solo il “posto fisso”, ma anche le prospettive di ricerca e l’apertura internazionale fanno dell’estero una meta più appetibile del nostro Paese.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rome Maker Faire 2016: lanciata la Call for School

Next Article

Fare ricerca in Antartide: il Miur stanzia bando da 6 milioni di euro

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.