Rome Maker Faire 2016: lanciata la Call for School

Torna Roma Maker Faire e stavolta apre a scuole ed università. La manifestazione dedicata all’innovazione e alla tecnologia, che quest’anno si terrà dal 14 al 16 ottobre alla nuova Fiera di Roma, lancia una call per scuole, docenti, studenti e università.
“L’evento unisce scienza, tecnologia, divertimento e business e rappresenta un’occasione per dare visibilità a nuove forme di sperimentazione hi-tech, anche attraverso la diffusione della cultura digitale e lo sviluppo dell’imprenditorialità – si legge nella call inviata dal Miur – E valorizzando le sfide su innovazione e alternanza scuola lavoro lanciate con la legge sulla Buona Scuola”.
Maker Faire, per la prima volta quest’anno, apre anche a studenti, docenti e gruppi di lavoro universitari che potranno presentare i propri progetti e sottoporli ad una giuria di esperti. Per quanto riguarda le scuole superiori, saranno selezionati 35 progetti provenienti dai licei, 5 dagli Its e 15 per Istituti Scolastici appartenenti ai Paesi dell’Unione Europea (studenti 14-18 anni) ai quali verrà dedicato uno stand all’interno della fiera.
Le spese di vitto e alloggio per due studenti e un docente accompagnatore di ogni progetto selezionato verranno sostenute dall’organizzazione del Roma Maker Faire. La scadenza per presentare i progetti è fissata al 20 maggio 2016.
Per maggiori informazioni andate sul sito di Roma Maker Faire. A questo link, invece, potete scaricare la “Call for School”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Valutazione della ricerca: compenso di 30 euro ai valutatori. L'esperta: "Rischio lavoro scadente"

Next Article

La rassegna stampa di martedì 05 aprile

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".