La rassegna stampa di lunedì 27 luglio

the word news on cubes on a newspaper

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Sole 24 Ore – Assunzioni, da domani al via il click day – A partire da domani, gli insegnanti precari potranno proporre la loro candidatura per essere tra i 55 mila immessi in ruolo previsti dalla seconda fase del piano assunzioni varato con la riforma della scuola.
la Repubblica – Ici, mossa del Governo: “Eviteremo squilibri”. Scontro laici-cattolici – sta facendo molto discutere la sentenza che obbliga anche gli istituti cattolici a pagar l’Ici. La palla ora passa al Governo che dovrà cercare una mediazione tra le parti.
La Repubblica – La studentessa più brava d’Italia: “Mi bastano 4 ore per avere tutti 10” – Si chiama Federica e ha studiato in uno dei licei storici della capitale. Nell’intervista svela il segreto che l’ha portata ad una pagella perfetta: “Appena 4 ore di studio al giorno”. E in futuro? “Sarò una dottoressa”.
Il Sole 24 Ore – Atenei, premi e costi standard puniscono il Sud – Sono le Università del Mezzogiorno a soffrire maggiormente della standardizzazione dei costi di gestione e della premialità come metro per assegnare finanziamenti.
Corriere della sera – L’uomo che svelo Steve Jobs: “La teconologia? E’ umanista” – Il giornalista che scrisse la biografia del compianto ideatore di Apple spiega quali sono i nuovi orizzonti cui deve guardare la tecnologia del futuro e, a sorpresa, ricalca il vecchio modello di un sapere scientifico strettamente correlato a quello umanistico.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le scuole fatte con bottigliette di plastica riciclate: ecco il progetto EcoBricks

Next Article

Uni Bolzano: i libri della biblioteca usati per costruire il domino più grande al mondo

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside