La rassegna stampa di lunedì 16 marzo

Da Zerocalcare che farà una lezione per gli studenti al successo della manifestazione “Libri come”, con più di 30.000 visitatori a Roma, dalla riforma de #labuonascuola alla manifestazione di protesta contro il ddl con i sindacati protagonisti. Ecco di cosa si occupano, oggi, i principali quotidiani italiani nelle sezioni Scuola, Università e Ricerca.
Nello specifico Metro, il quotidiano gratuito, riporta un commento su “La Carta dei Prof”, una novità decisa da Renzi nel progetto di riforma.
Il Gazzettino, invece, si concentra sugli studenti protagonisti al certamen: “Latino, altro che lingua morta” – titola il giornale.
Vincenzo Milanesi, infine, analizza il programma di riforma che, dopo la scuola, dovrebbe riguardare l’Università.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 16 marzo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, sciopero di massa dei sindacati

Next Article

Parigi, riunione tra i ministri dell'Istruzione sul tema della discriminazione

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).