La rassegna stampa di giovedì 28 gennaio

Scuola, Università e Ricerca. Ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Corriere della Sera – Mattarella, gli studenti e l’eredità della Shoah – Il discorso del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ieri, durante l’evento dedicato agli studenti per il giorno della memoria.
La Repubblica – L’università sceglie il numero chiuso – Il 2015 – 2016 è l’anno dei record per i corsi a numero chiuso nelle università italiane: a dispetto delle richieste degli studenti, sempre più spesso gli Atenei scelgono di limitare l’accesso ai corsi di laurea.
Corriere della Sera – Ciampi: “La speranza si nutre del sapere” – L’intervento dell’ex Presidente della Repubblica per il 150 esimo anniversario della rivista Nuova Antologia.
Il Messaggero – Corruzione, Italia risale ma rimane tra le ultime – La classifica delle amministrazione più trasparenti continua a posizionare il nostro Paese tra i peggiori al mondo, anche se in lieve miglioramento rispetto allo scorso anno.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test Medicina 2016, infiamma la polemica: "Riduzione del 20 % dei posti disponibili"

Next Article

FOCUS - Le università italiane sono sempre più chiuse: "Aumenta il numero programmato"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.