La raccolta fondi lanciata da Cassandra: "Sogno una laurea in Informatica"

“Ho un sogno da realizzare, chi mi aiuta?”. Cassandra Testa ha 20 anni ed è una studentessa brava e determinata. La sua è una storia che parla di sogni e riscatti. Cassandra, infatti, vuole laurearsi nel campo dell’informatica, la sua grande passione fin da piccola. Per fare questo, però, occorrono parecchi soldi. E tanto, tanto impegno.

Ma andiamo per gradi. Cassandra si è diplomata con il massimo dei voti all’Ite di Busto. Una volta terminati gli studi ha cominciato immediatamente a cercare lavoro. E lo ha trovato, in banca.

Ora, però, con il trasferimento a Milano e la casa in affitto è difficile riuscire a mantenersi gli studi. Per questo ha deciso di lanciare una campagna di crowdfunding: un’idea un po’ strana ma senza dubbio ambiziosa. L’ispirazione viene dagli Stati Uniti, dove molti ragazzi cercano di lanciare progetti simili per poter mantenersi gli studi.

Il suo lavoro in banca è a tempo pieno, ma Cassandra è determinata a continuare gli studi al Corso di Laurea triennale di Sicurezza dei Sistemi e delle Reti Informatiche, erogato nella sede di Crema dell’Università degli Studi di Milano. Le lezioni, così, potrebbero essere seguite anche via web, dando a Cassandra la possibilità di non perdersi neanche un corso, limitando così gli spostamenti.
La somma chiesta da Cassandra è di 9.000 euro: “sembra esagerata, è vero – commenta – ma purtroppo tra tasse universitarie e affitto i costi sono alti”. C’è da pagare un extra, poi, per il corso ottenuto nella modalità online.

“Sono dentro” scrive euforica Cassandra, commentando i dati del test d’iscrizione al corso. Su 200 posti, infatti, ci sono circa 177 iscritti. Per il momento, quindi, le cose cominciano in discesa per lei. Ma è solo un piccolo passo di una lunga serie.

“Vorrei rendere orgogliosa prima di tutto me stessa ed anche i miei genitori. Vorrei renderli partecipi della gioia di vedermi laureata e soprattutto vorrei non sprecare la mia intelligenza, ma utilizzarla appieno per il mio futuro”.

Cassandra non è la prima a lanciare un progetto simile. Un mese fa, sempre dalle colonne di questo giornale, abbiamo raccontato la storia di Federica Belletti, studentessa di Fermo, che aveva lanciato una raccolta fondi per andare a studiare alla Columbia University, negli States. E ce l’ha fatta. Come a dire: a volte basta volerlo.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

MIUR - Ricostituito l’Osservatorio per l’inclusione degli studenti disabili

Next Article

Giannini, via libera all'assunzione di altri 336 presidi: "Lavoriamo a pieno ritmo per l'avvio dell'anno scolastico"

Related Posts