Se la matematica si insegna con i Lego. Il divertente metodo didattico di una prof americana

Come rendere la matematica interessante anche per un bambino delle elementari? Facile: basta usare i Lego. L’idea è venuta ad un’insegnante newyorkese, Alycia Zimmerman, che dal blog collettivo Scholastic.com spiega come utilizzare i mattoncini colorati per fare lezione su frazioni, insiemi e persino matrici matematiche.
L’articolo in cui la professoressa svela quello che definisce “il suo strumento didattico preferito” è stato particolarmente apprezzato da migliaia di docenti in tutto il mondo. Si tratta, infatti, di un vero e proprio prontuario per strutturare un ciclo di lezioni di matematica basandosi sulla manipolazione dei mattoncini colorati. Ciascuno studente riceve il suo pacchetto contenente pochi Lego, è libero di esplorarne le potenzialità matematiche individualmente, per poi essere accompagnato dal docente nel regno degli insiemi e in quello delle frazioni (che risultano davvero facili da comprendere utilizzando i bricks colorati).
Creatività, entusiasmo e tanta applicazione: speriamo che anche qualche insegnante italiano possa recepire gli spunti della professoressa Zimmerman e rendere la matematica il più bel gioco di un bambino delle elementari.
Qui sotto alcuni esempi di come possono essere utilizzati i Lego durante una lezione di matematica. Per il metodo completo andate all’articolo di Alycia Zimmerman sul sito Scholastic.com.
L’intero 1 viene ricostruito in 4 frazioni
Matematica-LEGO-3
Lo stesso intero viene ricostruito in 16 frazioni (a seconda dei pezzi disponibili, la frazione può essere variata)
Matematica-LEGO-4
Il diagramma di definizione delle parti e del “totale”
Matematica-LEGO-2
La moltiplicazione
Matematica-LEGO-9
A un livello più complesso, i Lego potrebbero essere utilizzati per visualizzare le matrici
matrici lego
Qui sotto la professoressa Alycia Zimmerman
alycia zimmerman

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Università, crollo di iscritti al Sud: uno studente su tre va via

Next Article

Allarme contestazioni, Renzi rinuncia alla visita all'Università

Related Posts