La magia in mostra allo IUAV

Ogni studente è stato chiamato a realizzare il proprio oggetto magico. Da bambini sarà capitato molte volte di giocare a fare i maghi o i prestigiatori, era un modo come un altro per estraniarsi dalla realtà, e rifugiarsi in un mondo fantastico.
Con questo spirito è stata concepita la mostra dello IUAV di Venezia allo Spazio Paraggi di Treviso. Aperta a tutti fino al 19 aprile, ospiterà le opere magiche e se vogliamo anche un po’ sovversive degli studenti del Corso di laurea in Disegno industriale. Con la differenza che, rispetto ai sogni dei più piccoli, le opere realizzate cercheranno a loro modo di spiegare con un tocco di estro in più il mondo che ci circonda, quello materiale, di ogni giorno a seconda dell’angolazione da cui lo si vuole osservare e soprattutto, dal punto di vista della sensibilità del suo autore. Si pensi all’ex love, il cerotto a forma di cuore per riparare le ferite d’amore, o ancora il monet, un foglio di carta su cui è possibile stampare i propri pensieri appoggiandoci su semplicemente la fronte.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Bari job placement in Farmacia

Next Article

Tibet e Cina

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale