A Bari job placement in Farmacia

Si parla di farmacisti e ciò a cui si pensa immediatamente è alla persona dall’altra parte del bancone che legge le ricette del medico curante o che consiglia sul medicinale da prendere, che si tratti di influenza o altro.
Per fare chiarezza sul ruolo professionale, e ancor di più sulle occasioni di lavoro e carriera offerte dagli studi in Farmacia, si apre a Bari un incontro di discussione e di approfondimento per i giorni 10 e 11 aprile.
Alla giornata di Job placement interverranno numerosi esponenti di realtà professionali ed accademiche come Farmindustria, Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e Agenzia Italiana del Farmaco.
Nel corso dell’incontro sarà presentato anche il bando “Leonardo da Vinci” Unipharma – Graduate 4, con tirocini di 24 settimane presso centri di ricerca europei per neolaureati in Chimica, Farmacia, CTF, Biologia e Biotecnologie di tutte le università italiane.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Torino si parla francese

Next Article

La magia in mostra allo IUAV

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".