La grana degli stagisti: da gennaio mai più senza compenso, ma spunta il comma salva Enti pubblici

Da gennaio mai più stage gratuiti. Lo prevede la Legge Fornero che, da gennaio, dovrà definire “il riconoscimento di una congrua indennità anche in forma forfettaria, in relazione alla prestazione svolta”. Ma secondo una inchiesta condotta da noi del Corriere dell’Università Job, un cavillo apparentemente innocuo potrebbe stravolgere il senso della riforma.

Da gennaio mai più stage gratuiti. Lo prevede la Legge Fornero che, da gennaio, dovrà definire “il riconoscimento di una congrua indennità anche in forma forfettaria, in relazione alla prestazione svolta”. Ma secondo una inchiesta condotta da noi del Corriere dell’Università Job, un cavillo apparentemente innocuo potrebbe stravolgere il senso della Riforma.

Dall’applicazione non possono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica” dice il terzo comma della legge numero 92 del 28 giugno 2012. Dunque, tutti gli Enti pubblici potrebbero essere esclusi dall’obbligo di erogare un rimborso per tutti gli stagisti.

In tutte le edicole di Milano, Roma e Napoli l’inchiesta completa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Google apre le porte, ora possiamo "vedere internet"

Next Article

Juventus-Napoli, arbitra Damato

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).