La generación perdida di Puerta del Sol

Puerta del Sol, l'orso e l'albero di corbezzolo simbolo della città

Dopo la protesta del 15 maggio e la nascita del movimento del 15-M – convocata dalla piattaforma Democracia Real ya e Generacion sin Futuro – e a due giorni dalle elezioni amministrative, il popolo spagnolo si è riunito liberamente e volontariamente alla Puerta del Sol  per continuare a rivendicare la dignità e la coscienza politica e sociale.

Attraverso i social network e un passaparola non solo virtuale, gli indignados – studenti, disoccupati, precari, mileuristas e cittadini di ogni età – hanno occupato per tre giorni la piazza centrale di Madrid e altre città della Spagna. I movimenti scesi in piazza non rappresentano nessun partito né associazione, ma sono uniti da una vocazione di cambiamento. “Siamo qui  – si legge nel manifesto del movimento Toma la plaza – per dignità e per solidarietà con chi non può esserci”.

a.d.r.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'intervista a Marco Scurria

Next Article

Make a change: yes you can

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".