Make a change: yes you can

Per chi desidera ampliare i propri orizzonti alla ricerca di una corretta idea di impresa, Make a Change rinnova i suoi impegni accademici per studenti siciliani e calabresi.

Per chi desidera ampliare i propri orizzonti alla ricerca di una corretta idea di impresa, Make a Change rinnova i suoi impegni “accademici” e parteciperà all’incontro “Creare impresa in rete: le idee che vincono” rivolto ai futuri imprenditori siciliani e calabresi. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Creare imprese in rete” e prevede due giorni di attività di confronto e approfondimento che si terranno a Reggio Calabria presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Durante i due giorni i giovani imprenditori avranno la possibilità di confrontarsi in attività di workshop e focus group sui temi imprenditoriali correlati alla comunicazione, alla pubblicità, e all’impatto sul consumatore e avranno l’opportunità di conoscere alcune realtà locali.

Andrea Rapaccini, Segretario Generale di Make a Change, interverrà il 26 Maggio 2011 nella sessione “La pubblicità e l’impresa sostenibile”.

A seguire l’esposizione del modello “Carrotmob” e il potere collettivo d’acquisto, all’interno del workshop per gli studenti dal titolo “Quale Carrotmob a Palermo e Reggio Calabria?”.

MAKE A CHANGE A “CREARE IMPRESA IN RETE”

25-26 maggio 2011

Università Mediterranea degli Studi di Reggio Calabria

Facoltà di Architettura

Reggio Calabria

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La generación perdida di Puerta del Sol

Next Article

Madrid, le foto della protesta

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"