La FIRSTLEGO League oltre la robotica

Al Miur la premiazione dei 16 migliori progetti scientifici
Saranno assegnati domani, venerdì 5 maggio i riconoscimenti ai migliori progetti realizzati dalle squadre di giovani “scienziate” e “scienziati” per la First Lego League Italia 2016/2017. La premiazione si terrà presso la Sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dalle ore 14.30, alla presenza del Sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo. Saranno presenti anche Cristina Azzolini (Vicesindaco Comune Rovereto), Carmela Palumbo (Direttore Generale MIUR – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione) e Anna Brancaccio (Dirigente Scolastico – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione)
La FIRST® LEGO® League Italia è una competizione a squadre di robotica e scienza che mette a confronto i ragazzi di tutto il mondo (250 mila quest’anno) su tematiche di forte impatto ecologico e sociale, che devono affrontare con la mentalità del problem solving attraverso la robotica a mattoncini targata LEGO e la loro creatività con un progetto scientifico originale in tema, seguendo anche regole di condivisione e fair play, e privilegiando la comunicazione scientifica.
Organizzatore per l’Italia di questa manifestazione mondiale è la Fondazione Museo Civico di Rovereto, che è accreditata dal MIUR a valorizzare le eccellenze fra gli studenti italiani nel campo della robotica.
PROGRAMMA0503_PremiazioneFirstLegoLeague

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Una pillola ci farà dimagrire stando sul divano

Next Article

PON per tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.