La comunità scientifica alla Sun

sun2.jpgLa Seconda Università di Napoli ospiterà oltre mille tra docenti, ricercatori, dottorandi, dottori di ricerca e studenti, che si confronteranno sulle ragioni, sulle modalità e sui risultati conseguiti nel loro fare ricerca. Dall’1 al 4 luglio, quattro giornate interamente dedicate alla ricerca scientifica, agli obiettivi preposti, ai rapporti con il mondo della cultura, delle professioni, della produzione e dell’intera società civile.
Le “Giornate Scientifiche di Ateneo 08” si apriranno martedì 1 luglio, alle ore 17.30, con il saluto del rettore della Sun Francesco Rossi e la lectio magistralis di Edoardo Boncinelli dell’università Vita-Salute di Milano su “L’orologio della Vita e la sua Evoluzione”, cui seguirà una presentazione dell’intera iniziativa del prorettore agli Affari Interni, Raffaele Martone.
La principale novità della manifestazione è certamente la struttura “tematica” del programma. La giornata delle “Scienze della Vita e della Salute” (mattina del mercoledì 2 luglio 2008, Chiostro di S. Andrea delle Dame, Napoli); la giornata delle “Scienze della Società e delle Relazioni”, (mattina del giovedì 3 luglio 2008, Complesso didattico di via Vivaldi, Caserta); la giornata delle “Scienze della Natura, della Innovazione Tecnologica e del Progetto”, (pomeriggio del venerdì 4 luglio 2008, Convento di S. Lorenzo, Aversa).
Tre Lezioni Magistrali (una per ciascuna giornata): Aldo Pinchera dell’università di Pisa con “Lo iodio, la tiroide, il cervello”, il filosofo Aldo Masullo con una lectio su “La categoria della relazione nel rinnovamento dei saperi contemporanei”; Giulio Giorello dell’università “Statale” di Milano terrà infine una lezione su “Spiegazione scientifica e progetto tecnologico”.
Tre i siti che ospiteranno la manifestazione (Napoli, Caserta, Aversa) con un calendario fitto d’impegni: verranno discussi numerosi contributi scientifici articolati in circa 40 sessioni. Un’intera sezione sarà dedicata alle ricerche svolte dagli allievi dei corsi di Dottorato di Ricerca con molti contributi di notevole interesse culturale.
Il rettore Rossi spiega il senso della manifestazione: “I giovani sono collocati al centro delle Giornate Scientifiche d’Ateneo: questa iniziativa è finalizzata a evidenziare le potenzialità di ricerca delle diverse facoltà e soprattutto a dare più spazio all’attività svolta dai giovani ricercatori, assegnisti o dottorandi e dagli studenti degli ultimi anni di corso. L’ateneo è degli studenti. Sono loro, come sempre ripeto, i protagonisti indiscussi della nostra università”.
E proprio per sottolineare l’attenzione particolare di tutto l’ateneo per i suoi giovani e per la loro formazione, nella giornata conclusiva del 4 luglio avrà luogo la cerimonia ufficiale della consegna delle pergamene agli allievi che hanno conseguito il titolo Dottore di Ricerca nell’ultimo anno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Estate romana torna in grande stile

Next Article

Opportunità nell’It a Roma e Milano

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale