La città delle donne

L’Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica di Milano e Farmaceutici Dottor Ciccarelli sono lieti di annunciavi il bando di concorso “La Città delle donne” riservato alle studentesse iscritte ai master e alle school Almed nel corso negli anni accademici 2009-2010 e 2010-2011.

L’Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica di Milano e Farmaceutici Dottor Ciccarelli sono lieti di annunciavi il bando di concorso “La Città delle donne” riservato alle studentesse iscritte ai master e alle school Almed nel corso negli anni accademici 2009-2010 e 2010-2011.

Il concorso vedrà l’assegnazione di una borsa di studio di euro 5000 offerta da Cera di Cupra, storico marchio cosmetico italiano, alla studentessa che saprà interpretare, attraverso un breve testo scritto creativo, il tema ‘La città delle donne’ e il rapporto tra donna e città nella maniera più originale, creativa e naturalmente “femminile”.

Nella speranza che possiate partecipare numerose, vi invitiamo a consultare il sito www.unicatt.it/almed, dal quale potrete scaricare il bando e la domanda di partecipazione al concorso che inviamo anche in allegato.

Per maggiori dettagli o chiarimenti è possibile scrivere a [email protected]

Fonte: comunicato stampa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Festival d'Europa: appuntamento a Firenze

Next Article

Riparte Start Cup Campania

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.