“La città che vorrei”: concorso per studenti di scuola primaria e secondaria per immaginare il futuro

“LA CITTÀ CHE VORREI” – CONCORSO NAZIONALE PER GIOVANI DA 6 A 19 ANNI
Spesso attori istituzionali e non indicono concorsi dedicati alle studentesse e agli studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado per sensibilizzarli circa questioni dall’alto valore di ordine etico e sociale. Per esempio, negli ultimi tempi sono stati banditi diversi concorsi che vogliono stimolare i giovani e le giovani a riflettere sui temi dell’accoglienza e della diversità, intendendoli come elemento di arricchimento per i singoli e per le intere comunità. È questo il caso delle 2 iniziative di cui vi abbiamo parlato di recente su WeCanJob:

  • Viaggi da imparare: un concorso ideato da MIUR e UNHCR che chiama studenti e studentesse a produrre video sul tema dell’asilo e la vita dei rifugiati. Il video vincitore diverrà uno degli spot ufficiali della Giornata Mondiale del Rifugiato del 2019 (se ti interessa questo concorso, approfondisci qui)
  • Comunità che condividono: un concorso organizzato dalla Caritas in collaborazione con il MIUR che punta il fuoco sull’importanza delle creazione dei legami di condivisione all’interno delle comunità, grandi o piccole che siano (leggi maggiori informazioni sul concorso)

In quest’ordine di idee, oggi vogliamo parlarvi di un altro concorso per giovani che si sviluppa proprio attorno ai temi dell’accoglienza. Si tratta del Concorso nazionale “La città che vorrei”, ideato e promosso nel quadro del progetto Agente 0011, progetto animato da varie realtà del mondo della solidarietà quali Cesvi, ActionAid, UISP, Amref, VIS, Cittadinanzattiva, ASviS e La Fabbrica. Progetto che può inoltre beneficiare della collaborazione del MIUR e del cofinanziamento dell’AICS, Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.
Il concorso richiede alle ragazze e ai ragazzi di produrre un digital tale (in varie modalità espressive quali fotografia, testo, disegno, animazioni, audio etc., purché tutto digitalizzato) che descriva le caratteristiche di una città ideale, tenendo in particolare considerazione l’inclusione, la non discriminazione, l’equità e le pari opportunità, tutti elementi che contribuiscono a rendere maggiormente sostenibile la convivenza in contesti urbani.
Possono partecipare al concorso giovani appartenenti scuole statali e paritarie primarie e secondarie di I e II grado italiane, oratori, associazioni giovanili, società sportive e ogni altro tipo di ente di educazione informale dei giovani.
Si partecipa in classi o gruppi composti di un numero variabile tra 6 e 30 ragazze e ragazzi. I gruppi devono rispettare nella loro composizione le seguenti fasce di età:

  • 6-10 anni
  • 11-13 anni
  • 14-19 anni

Ai fini della partecipazione, nel periodo compreso tra il 30 gennaio e il 30 aprile 2019 i gruppi o classi dovranno caricare sul sito dedicato all’iniziativa i digital tales prodotti.
Ai 3 elaborati vincitori (1 per ogni fascia d’età) spetterà il seguente premio: la partecipazione, a giugno o a luglio, di una delegazione di 12 ragazzi/e e 4 docenti o responsabili a un evento sportivo antirazzista UISP.
Il bando completo è scaricabile qui.
Per maggiori informazioni invitiamo a visitare il sito web dedicato all’iniziativa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Padova, si laurea con 109 e fa causa all’Università: «Meritavo 110»

Next Article

Maturità, il voto finale non determinerà chi sarete

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.