La biodiversità a portata di click

biodiversita.jpgL’Enciclopedia della Vita, il monumentale progetto che prevede di raccogliere online sul sito www.eol.org le voci scientifiche relative a tutte le forme di vita conosciute, si arricchisce di 30.000 nuove immagini e video raggiungendo quota 150.000 pagine. Questa Enciclopedia online, lanciata nel maggio 2007, consente il libero accesso a tutto ciò che si conosce oggi al mondo in tema di biodiversità.
L’obiettivo è compilare ben 1,8 milioni di pagine. Al momento, secondo i promotori del progetto, il completamento dell’architettura dell’Enciclopedia sarebbe arrivato al 75%, con 1,4 milioni di pagine in realizzazione. Lanciata nella primavera 2007, l’Enciclopedia descrive ciascuna specie utilizzando testi, immagini, video, dati scientifici e informazioni fornite da esperti di campi diversi. È opera del consorzio americano che comprende Laboratorio di biologia marina di Woods Hole, Università di Harvard, Smithsonian Institution, Field Museum di Chicago, Biodiversity Heritage Library.
Il progetto andrà avanti anche grazie a un nuovo finanziamento. La Fondazione John e Catherine MacArthur ha infatti annunciato lo stanziamento di altri 10 milioni di dollari, oltre ai 10 milioni già stanziati nel 2007 in occasione dell’avvio del progetto. Inoltre, la Fondazione Alfred Sloan ha messo a disposizione altri 2,5 milioni di dollari.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Poste Italiane, prestiti ad hoc per chi studia

Next Article

Perdonanza, la Dama viene da Univaq

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".