L'11 settembre si ricorda con la musica

fotoconcertimn.jpgUna staffetta musicale per non dimenticare. In ricordo delle vittime dell’11 settembre “La Compagnia per la Musica in Roma” ha organizzato concerti gratuiti che si susseguiranno dal primo pomeriggio della giornata fino a notte inoltrata. Palcoscenici del September concert – questo il nome dato all’evento – saranno: piazza dei Cinquecento, la John Cabot University, il carcere di Rebibbia, la Chiesa di Santa Susanna e il Policlinico Gemelli. Circa duecento gli artisti coinvolti, provenienti da tutto il mondo.
La manifestazione, realizzata con fondi privati, nasce sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica, dell’Ambasciata Usa, della Presidenza di Camera e Senato e dei tre Enti locali.
A dare il via ci penserà, da Trastevere, Riccardo Manzi con una sua personale rielaborazione delle antiche canzoni romanesche.
Per il gran finale invece, l’appuntamento è all’Auditorium. “Ad aprire la serata ci sarà una pianista palestinese di 15 anni, Mira Anton Abualzulof – ha spiegato il direttore artistico John Maida – mentre nella seconda parte ci sarà l’esibizione di un’orchestra formata da giovani talenti e musicisti di fama internazionale”. Inglesi, ungheresi, canadesi, giapponesi, venezuelani saranno tutti uniti dal “linguaggio universale della musica”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, medico in pensione fa il test per protesta

Next Article

Un laureato nel controllo di gestione

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".