Koso-Bo, scambi interculturali

Attraverso un campus estivo, musica, video e radio sara’ incentivato il confronto fra giovani altoatesini e del Kossovo. Il tutto per mezzo del progetto ”Koso-Bo. Kosovo-Kosova meets Bozen-Bolzano

Attraverso un campus estivo, musica, video e radio sara’ incentivato il confronto fra giovani altoatesini e del Kossovo. Il tutto per mezzo del progetto ”Koso-Bo. Kosovo-Kosova meets Bozen-Bolzano”, presentato dal vicepresidente della Provincia Christian Tommasini, dai Servizi giovani provinciali di lingua italiana, tedesca e ladina, e dai rappresentanti dei vari enti coinvolti.

Il progetto Koso-Bo prevede una serie di scambi interculturali tra ragazzi altoatesini e kossovari, per far dialogare giovani di territori diversi ma accomunati dalla presenza di piu’ gruppi linguistici, nonche’ per coinvolgere anche i cittadini con background migratorio provenienti dal Kossovo che oggi frequentano in misura crescente le scuole ed i centri giovani in Alto Adige. Come ha detto il vicepresidente della Provincia, Christian Tommasini, e’ importante che i ragazzi conoscano realta’ vicine, ma lontane nella percezione, realta’ che vivono una situazione complessa e problematiche in evoluzione dopo la recente guerra.

Il contatto con queste realta’ mette a confronto sul modo di risolvere la questione della presenza di piu’ gruppi etnici. Come ha tenuto a precisare Tommasini, il progetto proposto nei centri giovanili dimostra come non si proponga solo attivita’ creative; i centri giovani sono anche centri di cultura giovanile dove ci si confronta per raggiungere maggior consapevolazza per una cittadinanza attiva. Il progetto Koso-Bo e’ promosso e sostenuto dal Dipartimento cultura italiana e da quello di lingua tedesca ed i rispettivi Servizi giovani assieme a: Ascolto Giovani Merano, Centri giovani Point, La Vispa Teresa e Charlie Brown – Bolzano, con la collaborazione di: Centro giovani Strike up, Jugentreff Chill House, Associazione Kosova, Associazione Trentino con i Balcani e Radio Tandem.

Fonte: ANSA

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La crisi non tocca la cultura

Next Article

Unimib, "Donne, politica e istituzioni”

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.