Iulm a caccia di “risorse” rinnovabili

imm.jpgRiprende la corsa alla conquista di matricole a colpi di marketing e la Iulm si distingue come sempre. Sviluppo sostenibile. Ovvero, come garantire risorse alle generazioni future. Acqua, clima, biodiversità. Cervelli. Già, perché non solo di patrimonio ambientale si tratta. La cura, l’attenzione, la passione mostrata verso il “coraggio e l’intraprendenza dei singoli talenti che creano, ogni giorno, un nuovo presente”, è la mission dell’ateneo milaneseche ha deciso di incentrare la campagna advertising per il prossimo anno accademico sulla produzione di “nuove risorse per il pianeta”.
Risorse coltivate attraverso un’ “offerta formativa unica – è il commento di Mauro Ferraresi, docente di Teorie e tecniche pubblicitarie dell’ateneo – che fanno dell’eccellenza un punto di arrivo e nello stesso tempo di partenza, nell’intento di superare continuamente le sfide di un divenire contemporaneo alla costante ricerca di competenze sempre più specifiche e sempre meno generaliste”.
Una campagna di comunicazione che si pone in continuità con quelle curate per gli scorsi anni accademici. “Ci sono stati vari temi che in esse si sono avvicendati – spiega Ferraresi – tutte accomunate però dall’originalità sia del mezzo che del messaggio”. E non avrebbe potuto presentarsi in altro modo “l’università che studia in modo diverso ed approfondito la comunicazione”, prestando occhi ed orecchie alle caratteristiche della società dei nostri giorni.
Forma e contenuto non possono più permettersi di giocare partite separate, l’una esprimendo valori puramente estetici, l’altro aggrappandosi all’idea del dotto è bello. Entrambi devono sapersi ascoltare, plasmare, valorizzare a vicenda, in una sorta di “comunicazione verbo-visiva” che Ferraresi pone in analogia con quella utilizzata in ambito pubblicitario, frutto di un “lavoro di équipe dove è indecidibile scegliere quale dei due elementi abbia maggior peso”. Anche gli studenti ricoprono il loro ruolo nella progettazione delle campagne di comunicazione, anche se “solo indirettamente”, come universo rappresentativo di gusti, tendenze ed esigenze del mondo giovanile. È infatti solo attraverso un costante ed attento lavoro di customer satisfaction che “siamo in grado di percepire i punti di forza della nostra università – continua Ferraresi – provando a definire, se necessario, il grado di perfettibilità della stessa”.
Se per Marshall McLuhan “il medium è il messaggio” c’è da scommettere che da domani sapere, saper essere e saper fare da sole non basteranno più. Prossimo obiettivo: saper comunicare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pomodoro nero, elisir di giovinezza

Next Article

Stagisti alla Carrefour

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".