Istruzione: pasticcio concorsi

concorsi

 

Si sono presentati in 17 mila per assicurarsi un posto da insegnate; hanno superato prove scritte e orali, ma alla fine sono stati esclusi da ogni graduatoria di merito. L’ennesimo concorso beffa rivolto agli aspiranti docenti lascia l’amaro in bocca: solo pochi giorni fa, infatti, il neoministro dell’Istruzione Stefania Giannini aveva assicurato il suo impegno per modificare il sistema dei concorsi nel mondo dell’Istruzione.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2014/03/07SB25044.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le 100 Università migliori. Nessuna è italiana

Next Article

E' certo: i cervelli di uomini e donne sono diversi

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.