Istat, disoccupazione in calo. Aumentano le donne occupate

Schermata 2013-04-02 a 10.10.57

A febbraio 2013 gli occupati sono 22 milioni 739 mila, in aumento dello 0,2% rispetto a gennaio, ovvero di 48 mila unita’. La crescita riguarda la sola componente femminile. Lo rileva l’Istat (dati provvisori e destagionalizzati). Tuttavia su base annua l’occupazione risulta ancora in calo, diminuendo dell’1,0%, cioe’ di 219 mila unita’.

La crescita dell’occupazione a febbraio, su gennaio, e’ dovuta alle donne. Lo rileva l’Istat, spiegando che su base mensile le occupate salgono dello 0,5%, cioe’ di 50 mila unita’, mentre la componete maschile resta sostanzialmente ferma, segnando una variazione nulla, corrispondente a 2 mila unita’ in meno. Anche su base annua l’occupazione femminile sale dello 0,5% (+48 mila occupate), a fronte di una diminuzione del 2% per gli uomini (-268 mila).

Come rilevato dall’andamento dei precedenti dati trimestrali di recente l’occupazione femminile e’ stata sostenuta dalle lavoratrici straniere e dalla permanenza a lavoro delle donne piu’ adulte, dovuta all’allungamento della vita lavorativa.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vincolo al 75% sui fondi che investono in start-up

Next Article

Angelina Jolie disegna gioielli per finanziare una scuola

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.