Irruzione degli animalisti al festival per zittire Garattini

Garattini festival della mente

Contestazione di un gruppo di animalisti durante l’intervento dello scienziato e farmacologo Silvio Garattini al Festival della Mente, tenutosi a Sarzana, nel ligure.

Tre contestatrici sono riuscite ad aggirare il cordone di sicurezza e hanno interrotto la conferenza di Garattini con slogan e urla.

All’uscita del festival altri cinquanta animalisti, guidati dall’esponente del Movimento 5 stelle, Valter Chiappini, hanno esposto cartelli contro il farmacologo, reo di aver dichiarato il suo favore alla sperimentazione sugli animali nella ricerca scientifica.

Garattini ha commentato: “Ho voluto essere presente a Sarzana anche per difendere la libertà d’espressione. C’è chi non voleva neanche che entrassi in città”.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2013/09/02SIB1012.PDF

Total
0
Shares
1 comment
  1. siiii!!! grandi animalisti ,scacchiare dalla faccia della terra tutti i ricercatori che usano la vivisezione !!!
    Anzi a proposito avrei un’altra idea ….. cazzo non si puo’ dire…
    marina trento

Lascia un commento
Previous Article

Bonus maturità, gli studenti contrari: "Un sistema sproporzionato. Nessuno ci ascolta"

Next Article

Concorsi, uno su 4 aspetta il posto

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.