Inv-Factor, anche tu genio, al via la competizione che stimola la creatività in classe

Schermata 2013-04-19 a 15.20.31

Giunge alla quarta edizione ‘InvFactor – anche tu genio’, la competizione organizzata dall’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche (Irpps-Cnr), in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea per valorizzare la creativita’ sviluppata dagli studenti italiani durante la formazione scolastica.

La partecipazione, quest’anno, viene per la prima volta estesa a tutti i ragazzi italiani con meno di 20 anni. Le proposte presentate da studenti e insegnanti (la scadenza e’ il 15 maggio) saranno giudicate da una commissione di esperti che selezionera’ una rosa di finalisti e decretera’ i vincitori. Nella passata edizione – ricorda Rossella Palomba dell’ Irpps-Cnr, ideatrice della manifestazione – hanno vinto una proposta sull’estrazione di coloranti naturale per tessuti, un dispositivo antiribaltamento per trattori, un sistema che simula situazioni di traffico per migliorare la sicurezza stradale e un metodo di disinquinamento delle acque reflue. Sicurezza e ambiente si confermano sempre tra i principali campi di interesse dei giovani.

”Il genio, la creativita’ e l’innovazione vanno stimolati a partire dalla piu’ giovane eta’; essi rappresentano le fondamenta del futuro dell’Europa”, ha dichiarato Lucio Battistotti, direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. La premiazione dei finalisti avverra’ in settembre, a Roma, presso lo Spazio Europa. Inoltre i vincitori saranno invitati a esporre e illustrare le loro tecnologie in occasione di ‘Light: accendi la luce sulla scienza’ manifestazione organizzata dall’Irpps-Cnr nell’ambito della ‘Notte europea dei ricercatori’, che si terra’ al Planetario di Roma il 27 settembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cattolica, lunedì test di ammissione a medicina

Next Article

Cadono calcinacci in una scuola, ferita studentessa

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident