Internet, quasi l’82% dei giovani ha un profilo social

Nella stragrande maggioranza , l’81,7%, hanno un profilo sui social network dove lasciano pensieri (59%) o foto o video (56,5%), ma il 33,5% non ricorre a restrizioni della privacy quando e’ sui social network. E infatti se ben il 47% in chat ha conosciuto persone nuove, in 115 sui social ci hanno vissuto anche una brutta avventura.

Lo dicono i quasi 700 ragazzi europei di 16-17 anni intervistati nell’indagine ‘Stop the violence’, punto di partenza di Povel, progetto transnazionale finanziato dalla Commissione europea. Acronimo di ‘Prevention of violence trought education to legality’, Povel coinvolge organizzazioni pubbliche e private di Italia (Scuola Centrale Formazione e Provincia di Ravenna), Belgio, Spagna e Francia, ed e’ coordinato dal Cefal, l’ente di formazione del Movimento cristiano lavoratori. L’obiettivo e’ promuovere azioni preventive su alcol, droga, bullismo e cyber violenza. I dati dello studio saranno presentati venerdi’ a Ravenna in un convegno. (

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Germania-Italia, cinque progetti puntano sull’istruzione tecnica

Next Article

Sposarsi si, ma solo se lo chiede lui. In ginocchio e con l'anello

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.