International students' day

International Student Day: in mobilitazione 100 città italiane. Perché proprio il 17 novembre?

Il 17 novembre 2010  gli studenti universitari di 100 città italiane  scendono  in piazza in occasione dell’International Students’ Day per rivendicare diritti e dignità, accanto a docenti e ricercatori, riconfermando così  il carattere unitario dell’”onda accademica”.
In particolare, gli studenti manifesteranno contro la delega al MIUR del diritto allo studio. Mobilitazioni che non riguardano esclusivamente la sfera italiana, ma l’intero panorama formativo mondiale.
La data simbolica evoca la resistenza di studenti nella vie di Praga all’occupazione nazista alla luce degli omicidi dei giovanissimi  Jan Opletal e Václav Sedláček, proprio  Il 17 novembre 1939 che  si concluse con nove esecuzione e l’invio di più di 1200 studenti ai campi di concentramento.
L’evento ispirò l’International Students Council  di Londra, che nel 1941 dichiarò il 17 novembre,  Giornata Internazionale dello Studente. Nello stesso giorno,del 1973 ,l’occupazione degli studenti del Politecnico di Atene contro il regime dei Colonnelli, fu debellata con l’intervento dei carri armati.
Durante il World Social Forum di Mumbai del 2004, la data venne rilanciata come simbolo delle mobilitazioni studentesca a favore di un democratico accesso al sapere. Pertanto il 17 novembre 2010 si svolgeranno manifestazioni in contemporanea in gran parte del Globo, dal Portogallo, Filippine, Polonia, Germania al Canada.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iscriviti al bando profesionalizzante

Next Article

Aula Magna e fregi del Partenone

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.